Brasil: central do Flamengo a caminho do Arsenal

Author: Maisfutebol

O Flamengo está prestes a perder uma das suas referências defensivas: Pablo Marí está a caminho de Londres para reforçar o Arsenal, escreve a imprensa brasileira.

O central espanhol visitou as instalações do clube carioca antes de partir para o aeroporto. Aí, foi acompanhado por Edu Gaspar, antigo jogador dos gunners e que é agora diretor-geral do emblema londrino. 

A dupla foi «apanhada» o aeroporto Galeão por um repórter e a própria Globoesporte diz que confirmou a saída do central.

Pablo Marí chegou ao Flamengo com Jorge Jesus depois de ter atuado pelo Deportivo Coruña, na segunda liga espanhola. Nessa altura, estava ligado ao Manchester City, clube no qual nunca atuou: andou cedido a Girona e NAC Breda, para além do emblema galego.

Agora, está prestes a ingressar no futebol britânico via Arsenal. O próprio Flamengo publicou um vídeo de Pablo Marí em visita às instalações do clube antes de partir para o aeroporto.

  

Cooler Master MH670: cuffie wireless eleganti e di qualità, non solo per giocatori

Author: GAMEmag – Videogames

Cooler Master MH670

Cooler Master MH670 sono le nuove cuffie wireless per giocatori e non solo, che si concentrano su un’esperienza il più confortevole possibile senza l’ingombro di cavi. Offrono due tipi di collegamento al PC, wireless tramite la rete con banda da 2,4 GHz e con il classico cavo con jack da 3,5 millimetri. Quest’ultimo tipo di collegamento rende le MH670 compatibili con qualsiasi piattaforma, console comprese. Parliamo di cuffie che supportano, tramite i driver al neodimio da 50 millimetri, il suono Virtual Surround 7.1, molto utile per percepire la posizione di provienenza di ciascun suono all’interno di un videogioco.

All’interno della confezione si trova anche un cavo USB-C per la ricarica: va connesso alla porta USB 2.0 del PC per ricaricare completamente la batteria. Vicino alla porta sulla cuffia un LED lampeggia in rosso per indicare che la ricarica è in corso e diventa verde quando la batteria è completamente carica. A quel punto bisogna connettere il ricevitore wireless alla porta USB del PC, rimuovere il cavo per la ricarica e accendere le cuffie con l’apposito pulsante sul padiglione. L’autonomia della batteria è di circa una giornata di utilizzo continuo senza bisogno di ricaricare.

Abbiamo parlato di ricevitore wireless, ma in realtà all’interno di questo dispositivo si trova il DAC (convertitore digitale-analogico) delle cuffie, governabile tramite software come vedremo nel dettaglio fra qualche paragrafo.

Cooler Master MH670

Parliamo di cuffie in grado di offrire un suono di ottima qualità, preciso dal punto di vista della resa posizionale, con bassi potenti. Ottima anche la qualità della registrazione tramite il microfono staccabile, il che è molto importante dal punto di vista delle comunicazioni con i compagni di team durante i match competitivi. Il microfono delle MH670 si iscrive all’interno di una tendenza che abbiamo riscontrato in altre cuffie di questo tipo recentemente transitate nella nostra redazione: ovvero, la qualità delle registrazioni con questi microfoni è sempre più elevata, quasi ai livelli dei microfoni professionali da studio.

La serie MH600 vanta un design elegante e minimalista, che rende le cuffie tranquillamente utilizzabili sia in uno scenario di gaming che in quelli professionali. L’archetto è regorabile e può adattarsi a qualsiasi conformazione della testa, ma sono soprattutto i cuscinetti dei padiglioni in memory foam a impressionare per la capacità di adattarsi all’orecchio. Questo consente di mantenere addosso le cuffie per svariate ore, garantendo comfort anche per le sessioni di gioco o di lavoro prolungate. Potrete sentire come un leggero peso in prossimità dell’archetto superiore, ma i padiglioni garantiscono la massima vestibilità in qualsiasi condizione.

Cooler Master MH670

Ottimi anche i controlli posizionati sui due padiglioni. Sul destro il pulsante di accensione, l’ingresso per la ricarica e il pulsante che permette di passare dal suono stereo al suono Virtual Surround 7.1. Sul padiglione sinistro, invece, troviamo l’ingresso per il jack da 3,5 millimetri, la rotella per regolare il volume e il pulsante per silenziare il microfono, oltre all’ingresso per il microfono stesso. Quest’ultimo è di tipo omnidirezionale ed è staccabile per preservare la trasportabilità delle cuffie. Lo stesso vale per il cavo con jack da 3,5 millimetri: basta ruotarlo leggermente per agganciarlo alle cuffie e si può staccare e rimuovere quando non serve o durante il trasporto delle cuffie.

Cooler Master MH670

Un altro tratto distintivo delle cuffie Cooler Master riguarda il software. Questo permette una personalizzazione dell’esperienza uditiva molto importante: non solo, è decisamente immediato e facile da apprendere e da usare in qualsiasi circostanza. La schermata principale permette di regolare il volume delle cuffie e il livello del microfono, oltre all’intensità dei bassi. C’è anche il pannello per l’equalizzazione alle varie frequenze e infine tre profili di default (Pop music, movie e gaming), a cui è possibile aggiungerne altri di personalizzati.

Cooler Master MH670

Anche la schermata successiva del software è molto interessante. Questa consente di regolare la posizione di ciascuno dei canali del sistema 7.1, compreso il subwoofer. Si consideri che nel caso di suono di tipo Virtual Surround la posizione di provenienza dei suoni viene gestita tramite software. Questo vuol dire che aumentando o diminuendo all’occorrenza il volume dei suoni, e smistando il tutto tra driver destro e driver sinistro, l’algoritmo riesce a ricreare un’esperienza uditiva posizionale il più possibile credibile. Naturalmente, con delle limitazioni: percepirete un suono a destra o a sinistra in maniera più precisa rispetto a un sinistra-centrale o un destra-centrale. E questo vale anche per i suoni completamente frontali o completamente posteriori. Allo stesso tempo, le MH670 garantiscono consapevolezza su ciò che succede intorno al giocatore in un titolo multiplayer competitivo (si pensi ad esempio Fortnite e la posizione da cui provengono i rumori dei passi).

Cooler Master MH670

Nella parte destra della schermata si può regolare anche la distanza del suono Surround, un parametro che agisce fondamentalmente sul volume dei suoni. Il software di Cooler Master, in altri termini, permette all’utente di interagire con l’algoritmo di Virtual Surround e farlo funzionare secondo le proprie esigenze. Dopo aver “smanettato” un po’ con queste impostazioni, infatti, l’utente più smaliziato riuscirà a ricreare l’ambiente uditivo che meglio si addice alle proprie abitudini.

Cooler Master MH670

In definitiva, le Cooler Master MH670 si sono rivelate un ottimo prodotto, allineato alle cuffie di alta qualità di altri brand che abbiamo provato nel recente periodo. Non deve spaventare l’assenza di cavo: la qualità dell’audio è ottima, il suono posizionale è gestito correttamente e l’esperienza è di tipo lag-free, senza alcun ritardo riscontrabile. Il passaggio al wireless è qualcosa che stanno praticando quasi tutti i produttori di periferiche per giocatori, perché garantisce minori ingombri e un’esperienza di gioco priva dei fastidi legati alla presenza dei cavi. Dopo aver provato delle cuffie wireless come queste, è molto difficile ritornare alle soluzioni cablate. Ottime anche le opportunità di personalizzazione e la qualità dei materiali. All’interno della confezione si trova anche la custodia in tessuto elegante e l’adattatore da USB-C a USB-A.

Le cuffie MH670 saranno disponibili in Italia a partire da metà Febbraio al prezzo di 109 Euro iva inclusa.

Palermo, assiste la sua cavalla durante il parto: uomo di 79 anni muore colpito da un calcio


Author: F. Q. Il Fatto Quotidiano

Stava aiutando la sua cavalla a partorire quando questa gli ha sferrato un calcio che lo ha colpito alla testa uccidendolo. È successo venerdì notte in via Menfi a Bellolampo, alla periferia di Palermo. Inutili i soccorsi: per Calogero Settegrana, di 79 anni, non c’è stato nulla da fare. In gravi condizioni anche il figlio Felice di 52 anni, intervenuto per aiutare il padre: è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Villa Sofia dove è ancora ricoverato. Illeso, invece, l’altro figlio Alfredo, di 45 anni. Sul posto sono arrivati gli agenti di polizia e i vigili del fuoco che hanno recuperato la cavalla insieme ai veterinari dell’Asp mentre i sanitari del 118 non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’uomo. Sull’accaduto è stata aperta un’inchiesta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Virus Cina, tre casi di contagio accertati in Francia: “Primi in Europa, ricoverati in isolamento”. In Italia allarme rientrato

next

Comunicazione Tour Terrapiattista

Author: beppegrillo.it Il Blog di Beppe Grillo

Ciao a tutti, devo purtroppo comunicarvi che sono costretto ad annullare le date del mio prossimo tour TERRAPIATTISTA, in partenza a febbraio, per un problema di apnee notturne che negli ultimi tempi non mi sta permettendo di riposare e lavorare correttamente.

A breve mi dovrò sottoporre ad un intervento chirurgico e, fra degenza e convalescenza, non sarò in condizione di portare il mio spettacolo in giro per l’Italia.

Avremo sicuramente modo di recuperare il tour in futuro.

Ciao, a presto!

L’Elevato

Nuovi TV Philips, spiccano gli OLED 855 e 805

Author: Le news di Hardware Upgrade

Dopo l’infilata di novità in ambito TV vista al CES di Las Vegas, Philips (TP Vision), che si era tenuta fuori dai giochi sul palcoscenico statunitense, mette sul piatto le sue novità. Si fanno notare certamente i nuovi OLED 4K HDR Serie 805 e Serie 855, declinati nelle dimensioni da 55” e da 65”. I modelli sono simili nelle caratteristiche ma si differenziano per il piedistallo: l’805 poggia su due piedini cilindrici ai lati del pannello, mentre 855 ha un supporto centrale con design a T che sarà possibile avere in finitura cromata scura o con finitura in pelle.

Entrambi modelli integrano il nuovo processore P5 di quarta generazione, con sistema AI a gestire i diversi compiti del TV, tra cui l’upscaling. I TV si fanno notare per l’elevata compatibilità HDR, con gli standard Dolby Vision, HDR10+ e HLG. Philips ha lavorato anche sull’audio, integrando un sistema Dolby Atmos 2.1 da 50W. Il sistema operativo resta Android, in questo caso in versione 9 Pie, con Google Assistant e compatibilità con Alexa. Non può mancare naturalmente la tecnologia Ambilight, in questo caso su tre lati, che estende i colori visualizzati sullo schermo oltre il bordo della cornice, rendendo l’immagine più immersiva e massimizzando il contrasto percepito.

Sul fronte LED, Philips ha presentato due prodotti caratterizzati da sistema audio Premium firmato di Bowers & Wilkins: Philips LED 9435 4K, nei modelli da 55” e 65”, e TV LED 9235 4K 43”, tutti naturalmente con Ambilight su tre lati e compatibili con Dolby Vision e HDR10+.

Interessanti i nuovi TV Philips 8505 (Serie Performance), disponibili nei tagli da 43”, 50”, 58” 65” e 70”: si tratta della famiglia che più vende in casa Philips, unendo tecnologie come l’Ambilight, che per molti clienti Philips è ormai irrinunciabile, all’HDR Dolby Vision e HDR10+ a un prezzo competivivo. Particolare anche l’impostazione del supporto da tavolo. I modelli da 43”, 50” e 58” hanno un nuovo piedistallo girevole, color argento e inclinato rispetto al tavolo e progettato per ospitare una soundbar da 70 mm. Il modello da 65” ha un supporto fisso ad arco e color argento per una soundbar da 70 mm. Il modello 70” ha un piedistallo “sticks” silver, con possibilità di installare il set a due altezze diverse: 19mm per un look “basso” e slim e più alto per ospitare una soundbar da 70mm. Anche per tutti i modelli LED i sistema operativo è Android 9 Pie.

Al momento non sono stati comunicati i prezzi per il mercato italiano.